Benvenute alle nuove volontarie di Fondazione Ariel!

“Fosse per me renderei il volontariato quasi d’obbligo per gli adolescenti, così che possano conoscere fin da giovanissimi la varietà delle persone e rendersi conto della ricchezza che questa comporta”. Sono le parole di Marida, 30 anni, una delle partecipanti al corso per nuovi volontari di Fondazione Ariel. Due appuntamenti intensi, ricchi di momenti significativi e anche divertimento.

Il corso per nuovi volontari di Fondazione Ariel si è svolto il 7 e 21 maggio e ha visto la partecipazione di 9 aspiranti volontarie, tutte donne, 6 giovani e 3 adulte. Un traguardo importante anche per Ariel, che ha progettato autonomamente per la prima volta un corso di formazione specifico, mentre precedentemente ci si è sempre affidati a Ciessevi, il Centro Servizi al Volontariato della Provincia di Milano.

Le due giornate hanno coniugato momenti teorici ed esperienze pratiche, soprattutto nell’area della relazione, della motivazione e del gioco con i bambini con bisogni speciali. "Ogni parte del corso è stata affrontata con interesse e attenzione da parte delle nuove volontarie, che hanno anche dimostrato maturità e senso di responsabilità rispetto alla relazione d’aiuto con le famiglie e i bambini. Motivazione, voglia di mettersi in gioco ed entrare a far parte della squadra di Ariel sono stati i tratti distintivi delle giornate di formazione", ha commentato Stefania Cirelli, responsabile formazione e volontariato di Ariel. Molto apprezzato, in particolare, è stato l’approfondimento sulla musicoterapia condotto dal musicoterapista Paolo Guarneri, che ha illustrato come la musica, il ballo, il gioco siano elementi capaci di stimolare e divertire i bambini con disabilità, proprio come i loro coetanei. Terminato il corso, il momento più atteso ed emozionante: l’incontro con i bambini e le famiglie che hanno partecipato all’ultimo appuntamento prima della pausa estiva di “Un sabato per voi” e “L’incontro”. Una vera esplosione di entusiasmo! Le nostre nuove volontarie hanno giocato con i bimbi e chiacchierato con i genitori, mettendo in pratica quanto appena imparato e lasciandosi coinvolgere da sorrisi genuini ed emozioni forti.

Come ci racconta la nostra nuova volontaria Marida, studentessa di Scienze dell’educazione presso l’Università milanese Bicocca, da diversi anni anche responsabile dell’area bar e biglietteria di un cinema, oltre che in questi mesi d’estate impegnata presso la biglietteria di una piscina a Milano. Nonostante la vita intensa, il volontariato è per lei di primaria importanza: “Ho cominciato a fare volontariato al liceo, quando mi occupavo di accudire le persone anziane e i bambini con disabilità grave in un centro specializzato. Poi nel 2012 due mie amiche mi hanno parlato di Ariel, della loro esperienza di volontariato con i bimbi e mi sono incuriosita. Così, ho deciso di “passare all’azione” anch’io: all’inizio mi sono occupata dei banchetti benefici e quest’anno non mi sono lasciata sfuggire l’occasione di frequentare il corso - ci racconta Marida, tutto d'un fiato - . Ho trovato quello che mi aspettavo: forti emozioni ed empatia con le famiglie e i bambini. I due giorni sono stati molto concentrati, alcuni degli argomenti che abbiamo trattato si avvicinano a quello che studio. La parte teorica che mi è piaciuta di più è quella sulla musicoterapia: mi piacerebbe molto approfondirla. Grazie ai miei studi e alle mie esperienze precedenti non ho avuto difficoltà a relazionarmi con bambini e famiglie. Ogni bimbo poi ha le sue peculiarità, ci sono dei bambini con cui è più semplice comunicare e altri che fanno più fatica, per questo penso che sia importante avvicinarsi a ognuno di loro in maniera diversa. Quella del volontariato è un'esperienza che consiglierei a tutti". 

FONDAZIONE ARIEL

SEDE LEGALE
Via Manzoni, 56 -
20089 Rozzano (MI)

SEDE OPERATIVA
via Sardegna, 7 - 20090
Fizzonasco di Pieve Emanuele (MI)

TEL. 02.8224.2315
FAX 02.8224.2395

MAIL fondazione.ariel@humanitas.it

immagine