“Il volontariato in Ariel… ti riempie!” Parola di Camilla

Camilla è una giovane infermiera, ha da poco concluso gli studi presso la Humanitas University, che ha sede presso l'Istituto Clinico Humanitas proprio come Fondazione Ariel. Da studentessa, Camilla passava tutti i giorni incuriosita davanti alla sede di Ariel ma non ha mai avuto il tempo di approfondire e fermarsi a conoscerci. Appena conclusi gli studi, con un po’ più di ore libere da dedicare a nuove attività, ha deciso di fare una ricerca su internet per scoprire le realtà del volontariato della zona in cui abita (Pieve Emanuele) ed ecco che Fondazione Ariel è tornata. 

Navigando sul sito ha avuto finalmente l'occasione e il tempo di conoscere e approfondire la missione di Ariel e Camilla ha così deciso di diventare una nostra volontaria. A convincerla è stato il suo amore per i bambini e la curiosità che ha suscitato in lei una disabilità così importante e allo stesso tempo poco conosciuta come la Paralisi cerebrale infantile. 

Nel suo percorso di studi infermieristici Camilla aveva già avuto modo di affrontare il tema delle disabilità neuromotorie. Le sue conoscenze teoriche le hanno permesso di sentirsi più sicura nell’approccio, anche se "… la prima giornata di volontariato con i bambini è sempre di forte impatto - spiega - Il momento più difficile è stato sicuramente il primo approccio. Riuscire a guadagnare la fiducia dei genitori che ti affidano i propri figli con esigenze speciali anche se non ti conoscono, guadagnare la fiducia dei bambini stessi e riuscire a comunicare con loro… Poi, però, succede qualcosa: pian piano riesci a creare un contatto con i bambini, guadagni la loro attenzione (cosa non facile per questi bimbi) e arrivano anche i primi sorrisi! Insomma, ti senti a tuo agio. Sono sensazioni, emozioni difficili da descrivere, che ti riempiono”. 

Per Camilla quella con Ariel è la prima esperienza di volontariato, anche se già da tempo pensava di avvicinarsi a questo mondo per dedicare il suo tempo libero a “qualcosa di costruttivo”. In questi mesi ha parlato di questa esperienza anche alle sue amiche, senza però trovare l’entusiasmo che si aspettava.

Ognuno ha i propri impegni e riuscire a proiettarsi in qualcosa di esterno è sempre difficile. Le difficoltà che hanno questi bambini e le loro famiglie vengono viste come qualcosa di lontano, non ci si sente davvero coinvolti. Invece”, prosegue Camilla, “il volontariato ti arricchisce e ti insegna tanto”. Non ci sono poi solo le mattinate di gioco con i bambini: Camilla ha partecipato anche ai mercatini di Ariel: “un modo per conoscere nuove persone, ma anche per conoscere meglio Ariel”.  

Dedico al volontariato e ai bambini di Ariel la mia esperienza, ma soprattutto il mio tempo e la mia disponibilità a questi bambini e famiglie in condizioni difficili - continua Camilla - . In cambio ricevo emozioni grandi e difficili da descrivere. Il sorriso dei bambini, il loro particolare modo di comunicare… il volontariato in Ariel è entusiasmante!” 

FONDAZIONE ARIEL

SEDE LEGALE
Via Manzoni, 56 -
20089 Rozzano (MI)

SEDE OPERATIVA
via Sardegna, 7 - 20090
Fizzonasco di Pieve Emanuele (MI)

TEL. 02.8224.2315
FAX 02.8224.2395

MAIL fondazione.ariel@humanitas.it

immagine